Idee

Home/Idee
  • Creatività
  • Tecnologia
  • Cultura
  • Lavoro sociale
  • Comunicazione
  • Accessibilità
  • Idea
  • Crisi
Scegli l'argomento

Creatività è sinonimo di vita. La vita non è niente senza la creazione: che sia un lavoro, una famiglia, una professione…

La crisi è la porta che chiude un ciclo e ci apre l’opportunità di un futuro diverso.

L’idea è un disegno astratto, che possiamo colorare, cancellare, modificare e tradurre in realtà.

L’accessibilità è la parola con cui chiamiamo la disposizione con cui apriamo il cuore agli altri.

La comunicazione è l’arte di trasporre il nostro essere e di raccontarlo.

Il sociale è la linfa dell’uomo: siamo nati per vivere in comunità, senza gli altri siamo alberi senza radici.

La cultura è uno degli strumenti per sciogliere i vincoli imposti dai limiti umani.

La tecnologia è uno strumento in più per esercitare al meglio la scintilla divina.

La creatività è un modo per ricombinare i pezzi del puzzle perché l’immagine sia più bella e più funzionale.

È nella crisi che il meglio di ognuno di noi affiora; senza crisi qualsiasi vento diventa una brezza leggera.
(Albert Einstein)

Il valore di un’idea sta nel metterla in pratica.
(Thomas A. Edison)

Gli ostacoli sono quelle cose spaventose che vedi quando togli gli occhi dalla meta.
(Henry Ford)

La comunicazione non è quello che diciamo, bensì quello che arriva agli altri.
(Thorsten Havener)

Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno.
(Madre Teresa)

Cultura non è possedere un magazzino ben fornito di notizie, ma è la capacità che la nostra mente ha di comprendere la vita, il posto che vi teniamo, i nostri rapporti con gli altri uomini.
(Antonio Gramsci)

La tecnologia dovrebbe migliorare la tua vita, non diventare la tua vita.
(Harvey B. Mackay)

La creatività è l’intelligenza che si diverte.
(Albert Einstein)

La crisi è il momento in cui si decide e, per effetto della nostra decisione, si cambiano le cose. Il resto è tragedia.

Ciò di cui ho paura e mi sembra che ogni volta mi abbatta, ma poi ne cavo fuori qualcosa di buono.

L’idea è il pregiudizio sul quale abbiamo fatto un lavoro.

Quando mi viene un’idea sono contento, perché nella stasi apparente il mio cervello, spesso grazie alla condivisione e alla comunicazione, trova la scintilla che lo mette in moto, e parte subito al galoppo.

L’accessibilità è quella cosa per cui anche un cammello può passare attraverso la cruna di un ago.

Parliamo in senso sociale o economico? Forse sono la stessa cosa, in fondo. Credo sia ormai un elemento non più prescindibile, qualsiasi sia il punto di vista da cui lo si guarda.

In tutto il mondo la comunicazione è costruzione di senso condivisa. Fa eccezione Milano, dove la comunicazione è ciò di cui ci si occupa fra un Negroni e l’altro.

Comunicare ha a che fare con la condivisione, con il mettere in comune un’idea. Si comunica se si ha qualcosa da dire, altrimenti enjoy the silence.

È sociale ciò che esprime la misura di ogni libertà individuale. Com’è dunque che siamo passati dal ‘sociale’ ai ‘social’? Non ci siamo resi conto che stavamo rinunciando a molto di più di una vocale?

Il favorire l’espressione e la vita culturale, intesa come identità singola o di popolo.

Sociale è condivisione, ma vera, sostanziale, non ottenuta tramite un tasto virtuale. Scambio di idee, parole, pareri, cultura…

Anche il Festival di Sanremo è cultura. Solo che non lo sa

Qualsiasi forma (testuale, grafica, orale, video etc.) che esprima consapevolmente una identità.

La cultura è come il DNA, ma è differente da esso perché possiamo espanderne le eliche con le nostre esperienze, letture, idee, ma soprattutto con la condivisione di tutto questo.

La tecnologia è un fatto umano, il fatto più umano che ci sia. Pensateci, prima di giudicare l’intelligenza artificiale.

Strumenti (hardware e software) che aumentano e facilitano le possibilità di espressione.

Tutto quello che amplia le possibilità espressive e prassiche di un essere umano: in senso fisico e mentale.

La cosa che nasce dal nulla si dice miracolo. La cosa che c’è sempre stata, e improvvisamente si osa guardare da un punto di vista nuovo, si dice creatività.

Riuscire ad esprimere o rappresentare quello che altri si aspettano senza sapere di aspettarlo.

Trovarsi al punto di fuga e guardare il mondo dalla prospettiva rovesciata. Vedere dentro il caos un particolare che fa la differenza e costruirci qualcosa