Daniele Narduzzi

Daniele Narduzzi

Founder di Be Honest

Fai una domanda!

Ho iniziato la carriera militare a 16 anni alla Scuola Militare Nunziatella di Napoli, proseguita poi con l’Accademia Militare ed un percorso quale Ufficiale dei Carabinieri. Parallelamente ho coltivato la mia passione per l’innovazione, per il cambiamento che mi hanno condotto ad affinare gli studi attraverso dei percorsi formativi (master in Business Administration) e a creare una startup che rivoluziona il modo di vivere la trasparenza e l’accountability nel sociale.

Q&A

Ciao Daniele, raccontaci il tuo lavoro…

Sono un ufficiale dei Carabinieri e il fondatore di una startup.

Quanto conta la creatività nel tuo lavoro?

Tantissimo, mi consente di valutare le circostanze da prospettive diverse, di combinare aspetti che apparentemente sono scollegati, dove invece riesco a vedere dei pattern e a realizzare nuove opportunità. La creatività offre soluzioni dove altri vedono problemi.

Che cosa significa innovazione per te?

L’innovazione è la capacità di stare al passo con i tempi e di adeguarsi al cambiamento, riuscendo talvolta ad anticiparlo.

Quali sono le tue fonti di ispirazione?

Gli altri, quelli diversi e migliori di me. Li osservo, li studio, imparo da loro e combino quello che imparo con ciò che so già fare per creare.

Quale è stata la tua migliore intuizione?

Quella che mi ha portato a realizzare BeHonest dopo il terremoto, ricordo ancora bene il momento in cui ho visto l’idea e ho iniziato a perseguirla.

Quando hai capito che quella era “la svolta” per il tuo progetto?

Quando le persone volevano contribuire con le proprie idee perché il mio progetto migliorasse. La ricchezza del supporto altrui ha arricchito il mio progetto.

In Italia sono più importanti le idee o gli investimenti?

Purtroppo gli investimenti, che non sempre sono legati alle idee.

Qual è il percorso di formazione che raccomanda? In Italia o all’estero?

Indipendentemente dall’Italia o dall’estero, il percorso di formazione più adatto ha due caratteristiche: riconosce i nostri talenti e ci sfida per farli emergere.

Come è cambiato il mondo del lavoro?

Molto, verso un universo poco umano, ma questa è l’occasione per ricordarci chi siamo e a cosa apparteniamo.

Quali elementi reputi essenziali per favorire il mondo del lavoro?

La cultura, la trasparenza ed il rispetto delle persone.

La tua citazione preferita?

Quam maxime postero credulus.

Broadcast

Il talk di Daniele live il 15.05.2020

Le parole della creatività, in un tweet…

crisi

La crisi è la porta che chiude un ciclo e ci apre l’opportunità di un futuro diverso.

idea

L’idea è un disegno astratto, che possiamo colorare, cancellare, modificare e tradurre in realtà.

accessibilita

L’accessibilità è la parola con cui chiamiamo la disposizione con cui apriamo il cuore agli altri.

comunicazione

La comunicazione è l’arte di trasporre il nostro essere e di raccontarlo.

lavoro-sociale

Il sociale è la linfa dell’uomo: siamo nati per vivere in comunità, senza gli altri siamo alberi senza radici.

cultura

La cultura è uno degli strumenti per sciogliere i vincoli imposti dai limiti umani.

tecnologia

La tecnologia è uno strumento in più per esercitare al meglio la scintilla divina.

creativita

La creatività è un modo per ricombinare i pezzi del puzzle perché l’immagine sia più bella e più funzionale.

Una domanda a Daniele?

Una domanda
a Daniele?

Se vuoi chiedere qualcosa a Daniele, scrivilo qui!